Vini dei Colli di Parma

PDFStampaE-mail

Sulle deliziose colline di Casatico e Torrechiara, che incorniciano scenograficamente il celeberrimo castello di Pier Maria Rossi, si estendono a perdita d’occhio i filari dei vigneti che producono alcuni tra i vini più tipici ed antichi della provincia parmense.
Dal vitigno di Candia nasce la Malvasia, vino bianco e frizzante che si sposa benissimo secco con tutti i salumi tipici parmensi e con i primi piatti, e dolce per accompagnare il dessert. Dalle uve bianche più aromatiche dell’omonimo vitigno viene poi prodotto il Sauvignon, delicato e gentile ma al contempo austero e signorile, servito fresco si abbina in modo sublime ai piatti di pesce e al Prosciutto di Parma. Dalla vinificazione di uve rosse Barbera e Bonarda locali si ottiene poi il corposo e sapido Rosso dei colli di Parma, perfetto in abbinamento con i secondi piatti della saporita cucina locale: arrosti, brasati e soprattutto i bolliti.

Nel territorio si producono diverse qualità di questi vini, molti dei quali hanno ottenuto tra il 1982 e il 2002 il prestigioso marchio DOC. Negli ultimi anni, l’accurato impegno dei viticoltori nella ricerca e nella meticolosa selezione dei vitigni, ha elevato il valore delle produzioni e ottenuto il riconoscimento di importanti premi di qualità.
Numerose sono le aziende vinicole e le cantine che accolgono Ospiti per visite, degustazioni e acquisti.

 

SCARICA ELENCO CANTINE

Filo diretto
Filo diretto clicca qui
QR reader

scarica gratis il qr reader
per smartphone

apstore
googleplay


Facebook
Seguici su facebook_510
Link
Orari Castello

Aperto al pubblico dalle ore 8.10 alle ore 13.50, da lunedì a sabato.

Domenica e festivi dalle 10.00 alle 16.00

 La biglietteria chiude mezz'ora prima dell'orario di chiusura del castello.

L'ingresso al castello è gratuito: ogni prima domenica del mese (da Ottobre a Marzo), il 25 Marzo (patrono), 13, 14,15 Agosto e 26,27,28,29 Dicembre

Ingresso:

Euro 5.00 da 25 anni 

euro 2.00 da 18 a 24 anni

Gratuito fino a 17 anni, possessori Passaporto del Ducato. Altre gratuità secondo legge